Investigazioni private: accertare l’attendibilità di colf e badanti

Colf, badanti e personale domestico costituiscono l’anello di congiunzione tra la sfera privata di una famiglia e quella esterna. Un anello che, se sottovalutato, può nascondere più di un’insidia…

Le investigazioni private per accertare l’attendibilità, la professionalità e la limpida condotta di colf e personale domestico si rendono necessarie in qui casi in cui l’arruolamento di queste figure professionali non risponde a principi fiduciari, e bisogna dunque scegliere “a naso”.

Sono eventualità che capitano a chi si è trasferito da poco in un’altra città o a chi deve rimpiazzare il personale domestico in breve tempo.

Indagini preventive e indagini consultive

Le tipologie di indagini in questi casi sono di due tipi; accertare l’attendibilità preventivamente all’assunzione o indagare su eventuali piccoli furti o sparizioni negli ambienti domestici (non necessariamente contabile) da parte del personale domestico.

Nel primo caso l’indagine si preoccuperà di reperire tutto i dati della persona individuata come “target”; studiando le frequentazioni abituali del soggetto e un esame della contabilità bancaria.

Il rapporto stilato dell’investigatore permetterà così di dare una valutazione del grado di affidabilità della persona chiamata ad entrare a far parte della propria casa , esponendo tutti i riscontri ottenuti in fase ispettiva.

Le indagini consultive invece riguardano i sospetti che un cliente può avere sul proprio personale domestico, sospetti che generalmente si dimostrano fondati ma a cui mancano le “prove”.

L’indagine dell’investigatore privato in questi casi permette di recuperare, a titolo personale, materiale in grado di provare l’effettivo dolo, o conoscere le reali cause delle “misteriose” sparizioni.

Investigazioni sulle badanti

Un intervento moto richiesto è invece quello che mira ad assicurare il comportamento e l’attendibilità delle badanti. Questo genere di investigazione viene mosso spesso da stretti familiari (quasi sempre i figli) che risiedono distanti dal genitore o all’estero.

I sospetti in genere si distinguono tra il reato di circonvenzione d’incapaci o dalla professionalità di chi deve assistere l’anziano.

I casi sempre più allarmanti che si possono trovare nelle notizie di cronaca non fanno certo dormire sonni tranquilli a coloro che si trovano nell’impossibilità di poter accudire un loro caro, avendone a cuore il suo benessere fisico e la serenità intellettuale.

InTeSe Investigazioni in questi casi accerta la veridicità di curricula delle figure professionali, effettuando tutti i controlli necessari, ad esempio sugli spostamenti dei soggetti ritenuti sospetti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *