Sicurezza informatica: gli attacchi hacker famosi nel mondo

Sicurezza informatica

Il problema della sicurezza informatica si è posto fin dalla nascita di Internet: a volte si tratta di attacchi informatici semplici e facilmente arginabili da un buon antivirus, altre volte invece ci sono stati attacchi hacker che sono entrati nella storia, sia per la loro vastità e diffusione a livello mondiale, che per gli ingenti danni economici che hanno causato.

Gli attacchi che hanno minato la sicurezza informatica nel mondo

Uno dei più recenti e famosi è avvenuto nel 2017 ed è “WannaCry” – letteralmente “Voglio piangere” – che ha bloccato i computer di mezzo mondo colpendo ben 74 nazioni. WannaCry è un ransomware, vale a dire un particolare tipo di virus informatico che “rapisce” i dati contenuti in un pc, rendendoli inaccessibili, e lancia sul monitor un avviso in cui chiede il pagamento di un vero e proprio riscatto per decriptare i file.
Una delle maggiori particolarità di WannaCry è la velocità di diffusione da un computer all’altro sia sulla rete internet che in locale: si stima che le conseguenze economiche dell’attacco siano state tra i 4 e gli 8 miliardi di dollari, ma non sono trascurabili anche le conseguenze non strettamente economiche, soprattutto nel Regno Unito, dove il virus ha bloccato anche numerose strutture sanitarie.
Simile a WannaCry e di poco successivo è stato NotPetya: si tratta sempre di un ransomware che però ha colpito prevalentemente le aziende, con delle ripercussioni economiche stimate intorno ai 10 miliardi di dollari di danni.
Hanno avuto risonanza mondiale altri due attacchi molto recenti: a marzo 2018 sono stati condivisi i dati di decine di milioni di utenti di Facebook con la società Cambridge Analytica, utilizzati in seguito per influenzare le elezioni politiche in Usa ed Europa; allo stesso modo sono stati rubati i dati (nome utente, password e indirizzo mail) di ben 150 milioni di utenti della nota applicazione My Fitness Pal, che aiuta gli utenti a tenere sotto controllo la propria alimentazione e i propri allenamenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *